CONTATTA L'AGENZIA

Farinaccio Giuseppe d.i.

Tel. 0322/240936

Letta l’informativa (visualizza l’informativa Professionecasa)

il consenso al trattamento dei miei Dati per le finalità (comunicazioni promozionali) e con le modalità (lettere, fax, e-mail, sms o altre forme di comunicazione a distanza) di cui al punto 1) (c) dell’informativa.

 

il consenso al trattamento dei miei Dati, per le finalità (comunicazioni promozionali) e con le modalità (lettere, fax, e-mail, sms o altre forme di comunicazione a distanza) di cui al punto 1) (d) dell’informativa e di conseguenza alla comunicazione ai soggetti di cui al punto 3) c).

Vendita

Villa in Vendita a Omegna , 450.000 €, 240 mq, 5 locali, 2 bagni

Informazioni principali

COD.
377
Locali
5
Comune
Omegna
Metratura
MQ 240,00
AG.
ARONA
Indirizzo
Prezzo immobile
€ 450.000
Box
1

Descrizione

In zona residenziale ma a pochi passi dal lago e dal centro, si propone villa indipendente con ampio terreno privato. La signorile costruzione, edificata negli anni '60 è disposta su due piani e si compone di ingresso, ampio salone, cucina, tinello, tre camere, bagno e locale ripostiglio-cabina armadio. Al piano seminterrato troviamo altre due camere da letto con bagno, cantina e locale caldaia. La proprietà si completa di un'autorimessa doppia e di un giardino piantumato, in parte terrazzato di circa di 1800. Inoltre, adiacente alla villa, si trova una depandance disposta su due livelli con una superficie di circa 90 mq oltre accessori vari, acquistabile a parte al prezzo di € 150'000,00.
L'insediamento antico del territorio è provato dai ritrovamenti archeologici della frazione di Cireggio dove, in località San Bernardo, si sono rinvenuti frammenti fittili e litici della tarda età del bronzo e del ferro, e del monte Zuoli, dove si è individuato un altare protostorico e un possibile scivolo rituale.
Un'ipotesi, proposta dallo storico Antonio Ruscon, vorrebbe il lago d'Orta popolato dagli Osci (nome che gli eruditi locali avevano ricavato da "Oscela", ritenuto l'antico nome dell'Ossola) di origine iberica, dal cui dialetto sarebbe derivato (da umacia = lago) il toponimo Humana-Umenia-Vemenia. Un'altra leggenda è quella che fa derivare il nome di Vemania da "Vae moenia" (Guai a voi o mura!) maledizione che Giulio Cesare avrebbe scagliato contro le formidabili mura della città. Queste e altre ipotesi (come quella sul favoloso popolo degli Usii), sono da relegare tra i miti creati da una certa erudizione, più ricca di amor di patria che di spirito critico.
Il medioevo e l'età moderna
Con la convenzione dell'11 agosto 1221 i nobili di Crusinallo danno Omegna ai novaresi. Nel testo si legge: "Crusinallo - loco et villa seu burgo Vemeniœ - Castrum Desideratum (il Torrione di Omegna) - la Strona - Durantinus de ripa - Gravalona - Anagueglia (Nigoglia) - locus Bagnella - Ciserim - Cocarna superiore - Cocarna inferiore (non Coquarna come nel Bescapè) - Cranna Gattugno - Bulio - Germagno - Noseto - Laurelia - Lizogno - Garnarolo." Omegna fu investita il 22 marzo 1413 da Filippo Maria Visconti a Francesco Barbavara e passò in eredità prima ai Visconti Borromeo poi ai Borromeo Arese nel 1714 e alla famiglia rimase fino all'avvento dei giacobini francesi.
I moti giacobini - Napoleone - l'Ottocento
Anche il novarese fu percorso dalla ventata libertaria e repubblicana conseguente alla rivoluzione francese. Nel 1796 fallì un complotto del pallanzese Azari, che intendeva sollevare la regione per farne un dipartimento autonomo. Nel 1798 il generale francese Léotaud sbarcò a Pallanza con una schiera di armati, occupò Cannobio e parte dell'Ossola; ma finì sbaragliato dalle truppe sabaude del marchese d'Oncieux tra Gravellona e Ornavasso. All'alba del 29 maggio venne fucilato ad Omegna il ventenne milanese Graziano Belloni, fatto prigioniero in quel frangente. All'esordio di Napoleone il Cusio fu occupato dai francesi, poi dagli austriaci. In seguito il cantone d'Omegna, sottoposto al V distretto con sede ad Arona, fece parte del dipartimento dell'Agogna nella Repubblica Cisalpina (1800); con il regno italico voluto da Bonaparte (1805) fu sottoposto alla vice prefettura aronese. Sconfitto Napoleone, nel 1815 il congresso di Vienna sancì la restaurazione dei Savoia; gli omegnesi salutarono con gioia il ritorno di Vittorio Emanuele I.

Box
1
Condizioni
Buono
Giardino privato
Numero bagni
2
Numero camere da letto
3
Numero locali
5
Riscaldamento
Autonomo
Fonte riscaldamento
Metano
Tipo cucina
Cucina Abitabile
Tipo costruzione
Signorile
Tipologia
Villa
Destinazione d'uso
Abitativo
Classe energetica
Classe Energetica: F
EPgl,ren: 0,45 kWh/m² anno
EPgl,nren: 186,38 kWh/m² anno
Inverno:
Estate:
A energia quasi zero: No

Il presente documento non costituisce elemento contrattuale. Tutte le informazioni commerciali contenute nel presente annuncio pubblicitario sono state fornite direttamente dagli Affiliati, autonomi imprenditori distinti da Professionecasa che rispondono dell'esattezza, veridicità e conformità di esse alle vigenti disposizioni di legge.

immobili simili

prezzo simile

LE SOCIETA' DEL GRUPPO